Normative

  • D.M. n. 5 del 20.12.1982 G.U. n. 19 del 20 gennaio 1983

    D.M. n. 5 del 20.12.1982 G.U. n. 19 del 20 gennaio 1983

    Un estintore portatile è un estintore che è concepito per essere portato ed utilizzato a mano e che pronto all' uso, ha una massa minore o uguale a 20 kg. Un estintore è designato dall'agente estinguente che esso contiene. Gli estintori attualmente si dividono in estintori ad acqua, estintori a schiuma, estintori a polvere, estintori ad anidride carbonica, estintori a idrocarburi alogenati - Decreto 12 novembre 1990 Art. 4. Decorsi sedici anni dalla data di emanaz...

    leggi tutto
  • D.M. 6.3.1992 (G.U. n. 6E del 19 marzo 1992)

    D.M. 6.3.1992 (G.U. n. 6E del 19 marzo 1992)

    Art. 2. Utilizzazione - 1, Gli estintori carrellati di incendio da impiegarsi nelle attività soggette alle norme di prevenzione incendi devono essere omologati. Art. 10. Norme transitorie - 2. Decorsi tredici anni dalla data di emanazione del presente decreto potranno essere utilizzati solo estintori di incendio carrellati i cui prototipi siano stati omologati ai sensi del presente decreto. Decorso il termine suddetto tutti gli estintori carrellati i cui prototipi non siano sta...

    leggi tutto
  • D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547

    D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547

    Art. 34. Divieti - Mezzi di estinzione - Allontanamento dei lavoratori - c| devono essere predisposti mezzi di estinzione idonei in rapporto alle particolari condizioni in cui possono essere usati, in essi compresi gli apparecchi estintori portatili di primo intervento. Detti mezzi devono essere mantenuti in efficienza e controllati almeno una volta ogni sei mesi da personale esperto; Art. 35. L'acqua non deve essere usata per lo spegnimento di incendi, quando le materie con le quali v...

    leggi tutto
  • UNI 9994 marzo 1992

    5. Fasi della manutenzione5.1. Sorveglianza, misura di prevenzione atta a controllare,con costanteeparticolare attenzione, l'estintore nella posizione in cui è collocalo, tramite l'effettuazione di una serie di accertamenti. La sorveglianza può essere effettuata dal personale normalmente presente nelle aree protette dopo aver ricevuto adeguate istruzioni.5.2. Controllo, misura di prevenzione atta a verificare, con frequenzaalmeno semestrale, l'efficienza dell'estintore, t...

    leggi tutto
  • Direttiva 97

    La direttiva 97/23/CE del Parlamento Europeo, accolta dal Parlamento Italiano con il Decreto Legislativo n. 93 del 25/02/2000, meglio conosciuta come PED (Pressure Equipment Directive), è la nuova direttiva che dal 30 Maggio 2002 governa la costruzione e il commercio di apparecchiature a pressione in tutti gli stati membri della ComUNItà Europea. Da questa data tutti gli apparecchi soggetti a pressioni superiori a 0,5 bar devono assoggettarsi a questa nuova normativa. La ...

    leggi tutto
  • Altri riferimenti normativi

    UNI 804 luglio 1975 - Apparecchiature per estinzione incendi. Raccordi per tubazioni flessibili. UNI 7422 luglio 1975 - Apparecchiature per estinzione incendi. Requisiti delle legature per tubazioni flessibili. UNI 9485 aprile 1989 - Apparecchiature per estinzione incendi. Idranti a colonna soprassuolo di ghisa. UNI 9486 aprile 1989 - Apparecchiature per estinzione incendi. Idranti sottosuolo di ghisa. UNI 9487 aprile 1989 - Apparecchiature per estinzione incendi. Tubazioni flessibili ...

    leggi tutto
  • D.P.R. n. 37 del 12 gennaio 1998

    Art. 5 - Obblighi connessi con l'esercizio dell'attività. 1. Gli enti e i privati responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi hanno l'obbligo di mantenere in stato di efficienza i sistemi, i dispositivi, le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio adottate e di effettuare verifiche di controllo ed interventi di manutenzione secondo le cadenze temporali che sono indicate dal comando nel certificato di prevenzione. Essi provvedono, i...

    leggi tutto
  • UNI EN 671-3

    Controllo e verifica annuale, eseguiti da persona competente alla pressione di rete. Ogni 5 anni tutte le tubazioni devono essere sottoposte alla massima pressione di esercizio come specificato nelle norme 571-1 e/o 671-2 |12 bar per un minuta primol.

    leggi tutto
  • UNI 10779 maggio 2002

    La norma specifica i requisiti minimi da soddisfare nella progettazione, installazione, ed esercizio degli impianti idrici antincendio permanentemente in pressione, destinati all'alimentazione di idranti e naspi antincendio. Gli idranti a colonna soprassuolo devono essere conformi alla UNI 9485. Per ciascun idrante deve essere prevista almeno una dotazione, ubicata in prossimità dell'idrante, in apposita cassetta di contenimento, di una lunghezza normalizzata di tubazione flessi...

    leggi tutto
  • UNI EN 671-1 aprile 2003

    La bobina deve ruotare attorno ad un perno. La bobina è composta da due circolari di diametro massimo non maggiore di 800 mm collegati da settori interni o da un tamburo di diametro minimo non minore di 200 mm per le tubazioni da 19 mm e 25 mm, e non minore di 280 mm per le tubazioni da 33 mm. li colore dei dischi della bobina deve essere rosso. La rotazione della bobina deve arrestarsi nel limite di un giro quando il naspo è sottoposto alla prova di frenatura dinamica. L...

    leggi tutto
  • D.M. n. 64 del 10 marzo 1998 G.U. n. 81 del 7 aprile 1998

    Art. 4. - Controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio I. Gli interventi di manutenzione ed i controlli sugli impianti e sulle attrezzature di protezione antincendio sono effettuati nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, delle norme di buona tecnica emanate dagli organismi di normalizzazione nazionali o europei o, in assenza di dette norme di buona tecnica, delle istruzioni fornite dal fabbricante e/o dall'installatore. Allegato...

    leggi tutto
  • UNI EN 671-2 aprile 2003

    La norma specifica i requisiti ed i metodi di prova per la costruzione e la funzionalità degli idranti a muro con tubazioni flessibili. La tubazione deve essere appiattibile, il diametro nominale della tubazione non deve essere maggiore di 52 mm, la lunghezza elementare di tubazione non deve essere maggiore di 20 metri. La tubazione deve essere dotata all'estremità di una lancia erogatrice che permetta le seguenti regolazioni del getto: chiusura getto, e getto frazionato,...

    leggi tutto